Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello
0
Il mio carrello
0 prodotti - € 0,00

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello

CORDILLERA BLANCA - PERÙ - TOMAS & SILVESTRO FRANCHINI

02/07/2015

Madonna di Campiglio 28 giugno 2015

Cordillera Blanca - Perù: l'ultima avventura raccontata direttamente dai fratelli Tomas & Silvestro Franchini

"Dopo una fase di acclimatazione in stile veloce e leggero, dove abbiamo salito cime tra i 5400 m e i 5800 m, eravamo pronti a partire per il nostro progetto nella Cordillera Huayhuash ma un
imprevisto ci ha subito fermati: Tomas, in paese, è stato morso da un cane, e così ha dovuto iniziare le cure di vacino antirabico, essendo lì, una malattia molto pericolosa e frequente.
Non ci siamo scoraggiati, abbiamo in fretta cambiato i nostri programmi valutando che era meglio restare nella Cordillera Blanca, essendo di più comodo e veloce accesso che la “Huayhuash”, dato che Tomas doveva recarsi in città ogni 7 giorni per effettuare il vaccino!
Nonostante questo imprevisto, siamo contenti di ciò che siamo riusciti a fare e siamo orgoglosi di essere riusciti a portare il nostro stile completo di montanari anche in queste montagne lontane, avendo fatto salite di misto e ghiaccio, di pura roccia e di alta quota.
- Come già accennato abbiamo aperto una nuova via sul Nevado Churup 5495 m, bellissima via di misto, valutando una difficoltà fino all' M7 la quale non è molto nota in Cordillera Blanca.
- Ci siamo trasferiti poi nella Quebrada Paron dove abbiamo scalato la Esfinge 5330 m...famosa big wall in tutto il mondo; lì abbiamo effettuato la probabile prima ripetizione della via de “Los Checos Bandidos” che anch'essa pare una delle più impegnative vie in arrampicata libera della zona avendo difficoltà fino al 7c.
- La voglia di arrampicare su roccia era tanta visto l'incredibile potenziale che offriva il posto ma,
essendo in un ambiente dove l'alta quota predomina su tutto il resto abbiamo deciso di tentare il Nevado Chopichalqui di 6354 m.
Le condizioni della montagna hanno arrestato il nostro tentativo a quota 6000 m valutato il rischio di valanghe a lastroni presente sull'ultimo pendio prima della cresta finale.
- Tornati in paese abbiamo scelto di andare a visionare una parete...una grande e bella parete, nella valle più selvaggia della Cordillera Blanca...non è presente alcuna via su di essa...non abbiamo molti giorni a disposizione alla fine della nostra vacanza e quindi lasciamo il progetto per un'altra volta, chissà, se abbiamo la possibilità, forse, l'anno prossimo!!Però...acqua in bocca!
- Siamo agli sgoccioli, è l'ultima settimana, come sempre il tempo è volato, siamo attratti da pareti tecniche ma valutiamo la situazione e ciò che abbiamo fatto. Decidiamo di fare un tentativo innovativo e veloce sul Nevado Huascaran Sur 6738 m, la montagna più temuta e più alta del Perù.
La nostra strategia è fuori dagli schemi, perchè decidiamo di saltare vari campi e in 3 giorni
concludere la salita tornando già in valle.
E così, con stile leggero ci portiamo a casa anche questa bellissima salita, arrivando sulla cima in
due giorni e scendendo a valle nel terzo con un bivacco ventoso a quota 6000 m."

Tomas & Silvestro Franchini

#news #zamberlan #discoverthedifference #doanywhere ##cordillerablanca