Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello
0
Il mio carrello
0 prodotti - € 0,00

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello

DENALI Experience 2016

17/01/2017

DENALI - CENTRAL  ALASKA (di Michele Barbiero)

Il Denali con i suoi 6190 mt. è la vetta più alta del Nord America e degli Stati Uniti, per la sua posizione geografica prossima al Circolo Polare Artico è  una delle montagne  più fredde del pianeta, se non la più fredda.
Un’altra particolarità, sempre dovuta alla sua posizione geografica  è  quella di presentare difficoltà oggettive, quali la rarefazione dell’aria,  pari ad una montagna 1000 metri più alta.
Inoltre chiunque pianifichi di provare a raggiungerne la vetta, deve prepararsi come se andasse ad affrontare uno degli 8000 Himalayani con la differenza che in Alaska non ci sono i portatori !!! Quindi bisogna essere in tutto e per tutto autonomi e sobbarcarsi il lavoro del trasporto materiali, montaggio e smontaggio dei campi etc. , insomma Alpinismo con la A maiuscola.
Nel mese di Maggio 2016 sono sbarcato per la quarta volta sul ghiacciaio di Kahiltna per tentare di salire di nuovo questa immensa montagna, questa volta con l’obiettivo di percorre l’itinerario della West Rib, una estetica cresta che sbuca quasi sotto alla vetta.
Ho già salito due volte la Via Normale  ( 2005 e 2008 ) e nel 2007 assieme a Giuliano De Marchi ho realizzato la prima traversata italiana del Denali da Nord a Sud in 22 giorni in completa autonomia.
Queste mie precedenti esperienze mi hanno aiutato ad affrontare bene tutta la parte organizzativa e di approccio alla parte alta della montagna, purtroppo però una volta raggiunto il campo a 4200 mt. il tempo ha deciso di ricordare a me ed ai miei amici cosa significhi scalare in Alaska e, con 5 giorni di bufera molto violenta che ci ha costretti a barricarci nelle nostre tende, ha chiuso la porta per la vetta.
Ma va bene così, la bellezza dell’alpinismo, quello vero, sta anche nella probabilità di fallire.
Rimane comunque l’ennesimo viaggio bellissimo, con compagni perfetti, in una terra selvaggia e dagli spazi infiniti, che ormai mi ha completamente rapito e dove spero di poter tornare quanto prima.

Michele Barbiero
​​​​​​​http://www.michelebarbiero.com/