Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello
0
Il mio carrello
0 prodotti - € 0,00

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello

Scarpe trekking donna: quali caratteristiche devono avere e come sceglierle.

La tecnologia costruttiva si è evoluta molto negli ultimi anni, orientandosi alla proposta di scarpe da trekking per la donna. Calzature progettate a partire dalla conformazione anatomica del piede che combinano particolari componenti tecniche ad un design che soddisfa ogni gusto in termini di forme e colori.

24/03/2020

Scarpe trekking donna: quali caratteristiche devono avere e come sceglierle.

Chi ama la vita all’aria aperta, che si tratti di alpinismo o di trekking, conosce l’importanza di avere ai piedi uno scarpone comodo e in grado di dare garanzie in ogni situazione.
La tecnologia costruttiva si è evoluta molto negli ultimi anni, orientandosi alla proposta di scarpe da trekking per la donna. Calzature progettate a partire dalla conformazione anatomica del piede che combinano particolari componenti tecniche ad un design che soddisfa ogni gusto in termini di forme e colori.

Perché c’è differenza tra le scarpe da trekking da donna rispetto ai modelli da uomo?

Va sottolineato che la necessità di creare scarponi differenziati per i due sessi nasce da peculiarità fisiche. A parità di altezza e di numero di scarpa, la donna infatti tende ad avere un peso corporeo inferiore rispetto all’uomo. Ciò va ad influire in modo importante nella scelta dei materiali della tomaia e della suola, che nel caso della donna devono garantire maggiore leggerezza nella camminata, anche quando si indossano le scarpe per molte ore.

Altro fattore tenuto in considerazione nella costruzione delle scarpe da trekking per la donna è la forma del piede femminile:
  • il tallone generalmente è più stretto;
  • la parte distale (o avampiede) tende ad allargarsi, soprattutto nella zona del metatarso e delle falangi;
  • l’arco plantare è più ampio e presenta una zona “vuota” maggiore

Scarponi e scarponcini da montagna: gli aspetti tecnici fondamentali nelle versioni da donna.

Davanti alla scelta di scarpe da escursionismo e scarponi da trekking da donna, vale quindi la pena osservare alcune componenti costruttive che possono migliorare il benessere del piede ed il comfort generale durante le escursioni.

Cosa fa la differenza in una scarpa da trekking da donna?

  • La tomaia: i materiali con cui viene costruita sono importanti per garantire flessibilità nella fase di appoggio. Negli scarponi deve essere sufficientemente alta e fasciante per permettere alla caviglia di muoversi in totale sicurezza, anche per le donne che hanno una caviglia fine. Nella zona plantare la scarpa deve tener conto della concavità più accentuata che va quindi riempita.
    La pelle è il materiale costruttivo più pregiato, in quanto a resistenza, morbidezza ed elasticità. Garantisce impermeabilità lasciando il piede asciutto anche in condizioni atmosferiche avverse o in presenza di sentieri fangosi o innevati. I modelli più performanti inoltre abbinano alla pelle altri componenti che migliorano la struttura della calzatura. È il caso del collarino, ovvero la parte più a contatto con la caviglia, che ha il compito di fasciare meglio la parte superiore dell’arto e di limitare gli sfregamenti che possono creare fastidi o vesciche. Anche il puntale di protezione diventa un elemento distintivo nella protezione delle dita dagli urti, soprattutto per chi ha piedi affusolati.
 
  • Il sottopiede di montaggio: è un elemento nascosto ma fondamentale per conferire alla calzatura struttura e il grado desiderato di flessibilità. Nelle calzature femminili si preferisce utilizzare sottopiedi morbidi capaci di dare all’utilizzatrice una sensazione di comfort

Scarpe da trekking donna: Zamberlan risponde con la linea Epic Women.

Consapevoli del fatto che la donna oggi necessita di un equipaggiamento studiato sulle proprie caratteristiche fisiche, abbiamo messo a punto specifici modelli di scarponi da donna adatti a diverse tipologie di attività, dai trekking più impegnativi e tecnici all’hiking.
 
Per quanto riguarda il trekking, con la linea “Epic Women” abbiamo fatto incontrare i materiali più efficienti con una tecnica costruttiva artigianale. Il risultato si traduce in calzature di alta qualità che non scendono a compromessi in quanto a vestibilità, design e comfort.

Il concetto alla base di questa linea di scarpe è di riportare ai giorni nostri lo spirito epico di alcune donne del passato che grazie alle loro imprese, possono essere di esempio per affrontare le sfide di oggi.

MARIE GTX: Scarponi da donna ideali per trekking e backpacking.

Il modello MARIE GTX, prende  ispirazione da Marie Paradis, la prima donna ad aver raggiunto la vetta del Monte Bianco nel 1808. Una persona determinata a conquistare una grande traguardo, in un’epoca in cui la montagna e l’attività alpinistica erano riservate esclusivamente agli uomini.
Le caratteristiche tecniche del modello MARIE GTX sono:
  • Forma strutturata sulle caratteristiche del piede femminile
  • Peso di 450 gr. che permette di affrontare lunghi percorsi senza appesantire il piede
  • Tomaia in pregiata pelle toscana morbida e flessibile
  • Fodera in GORE-TEX per impermeabilità e traspirazione
  • trattamento idrorepellente
  • Puntale di protezione in gomma
  • Zeppa in PU a doppia densità e sottopiede morbido per ammortizzazione e comfort.

AMELIA GTX: Scarponi da donna ideali per trekking e backpacking.

Il modello AMELIA GTX è invece ispirato alla scrittrice britannica Amelia Edwards. Una donna straordinaria e controcorrente che nel suo peregrinare in giro per il mondo ha fatto sosta per un periodo anche nelle Dolomiti. Questa esperienza diventò ispirazione per il suo libro Untrodden peaks and unfrequented valleys, tradotto in Italiano in “Cime inviolate e valli sconosciute” del 1872.

Le caratteristiche tecniche del modello AMELIA GTX sono:

• Tomaia in Nabuck morbida e flessibile
• Fodera in GORE-TEX per impermeabilità e traspirazione
• Sottopiede morbido per maggiore flessibilità
• Inserto in TPU per garantire maggiore stabilità
• Puntale di protezione in gomma
• Forma speciale per il piede femminile

Tofane: pregiati scarponi da donna costruiti con tecnica norvegese.

Una scarpa da trekking, backpacking ed escursionismo che coniuga un design dallo stile “classico” con la tecnica costruttiva norvegese.
Le scarpe costruite con questo metodo, presentano una doppia cucitura eseguita manualmente da artigiani esperti. Nello specifico, la prima cucitura fissa la tomaia al sottopiede e la seconda fissa la tomaia all’intersuola.
Ne risulta una calzatura estremamente morbida e comoda (grazie anche alle pelli toscane in pieno fiore) che allo stesso tempo garantisce tenuta in ogni terreno. La suola Zamberlan® Vibram® NorTrack, puntale in gomma e lo Snodo FLEX-SYSTEM all’altezza della caviglia completano gli accorgimenti tecnici di questo pregevole scarpone.

I modelli Zamberlan da escursionismo, viaggio e city dedicati alla donna.

Non è necessario sfidare le vette più alte per essere una donna “epica”, perché l’espressione del proprio essere può liberarsi anche in una quotidianità scandita dagli impegni di lavoro e dagli hobby. Per tutte coloro che amano muoversi in libertà, Zamberlan ha messo a punto dei modelli di scarpe estremamente comode e versatili: compagne di avventure ideali per chi vuole soddisfare il proprio animo sportivo senza sacrificare lo stile.

HENRIETTE GTX: scarponcini per escursioni, backpacking e viaggi avventurosi.

L’esploratrice Henriette d’Angeville è stata la seconda donna a raggiungere la vetta del Monte Bianco. Aristocratica francese poco incline alla vita dei salotti, nella sua vita seguì il richiamo della montagna raggiungendo vette impegnative, l’ultima nel 1863 all’età di 69 anni.
Viene ricordata oggi per la sua più grande impresa, ovvero di aver raggiunto la vetta del Bianco percorrendo dal primo all’ultimo passo senza farsi portare dai suoi compagni di cordata, diversamente da Marie Paradis che secondo le cronache, nell’ultimo tratto fu aiutata.

Le scarpe Zamberlan a lei dedicate, il modello Henriette Gxt, sono ideali per il trekking urbano e per il viaggio.

Caratteristiche tecniche del modello Henriette Gxt:
  • Tomaia realizzata con morbido
  • Fodera in GORE-TEX per impermeabilità e traspirazione
  • Sottopiede morbido per maggiore flessibilità e comfort
  • Puntale di protezione in gomma
  • Forma speciale per il piede femminile

Le novità in arrivo: modelli Frida e Rosa, gli scarponi dedicati all’estro artistico e rivoluzionario delle donne.

Altri due modelli che portano alla ribalta i nomi di donne che hanno scritto la storia. Abbiamo scelto un’accoppiata di caratteri controcorrente, che hanno saputo abbattere luoghi comuni, attraverso l’attivismo e l’arte.
Da una parte Frida Kahlo, artista dallo spirito indipendente e passionale. Dall’altra Rosa Luxemburg, filosofa e politica polacca, donna piena di vitalità e dalla grande levatura intellettuale.
 
A loro sono dedicati due modelli:
 
  • Frida GTX WNS, leggero e morbido per il trekking e le escursioni leggere con tomaia in pelle, fodera in Gore-Tex e sottopiede morbido.
  • Rosa GTX WNS, scarpone in pelle adatto a trekking e backpacking. Sostenuto e confortevole, è provvisto di fodera in Gore-Tex, morbida intersuola in EVA e fascione protettivo in PU per riparare dagli urti frontali.
 
L’impegno di Zamberlan rimane fedele alla “Handmade Philosophy”. Un approccio che poggia sulla volontà di progettare calzature di alta qualità, nate nello stesso laboratorio italiano che da generazioni respira amore per la montagna e per le persone che la frequentano.
Per questo coltiviamo il desiderio di mettere a disposizione di tutte le donne modelli di scarponi in grado dare voce a loro modo di essere e al loro desiderio di superare ogni ostacolo.