Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello
0
Il mio carrello
0 prodotti - € 0,00

Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti: 0
Totale prodotti: € 0,00


Vai al carrello

Consigli sull'equipaggiamento per spedizioni in alta quota: la scelta degli scarponi da alpinismo

15/05/2018



I mesi primaverili, da aprile fino a giugno, sono senz'ombra di dubbio uno dei periodi migliori per affrontare le spedizioni alpine. È giunto quindi il momento di preparare lo zaino mettendoci tutto il necessario per vivere l’esperienza tanto desiderata e programmata. Una buona dose di spirito di avventura è l’ingrediente fondamentale per un’esperienza indimenticabile, ma l’ottima riuscita della spedizione è data dalla preparazione fisica e dall’equipaggiamento adatto.
 

Cosa non deve mancare nell’ equipaggiamento di un alpinista?

Prima di tutto è d’obbligo fare una premessa: l’occorrente per una spedizione varia a seconda della meta finale. Le esigenze di chi si appresta a conquistare una vetta di 8000 metri risultano ben diverse da quelle di chi punta a raggiungere quota 3000-4000 metri. Nonostante ciò ci sono dei consigli che possono essere utili a tutti:
Attrezzatura tecnica. Ramponi, piccozze, imbracatura, moschettoni, corde, caschetto protettivo, occhiali da sole, bastoni da trekking, zaino, sacco a pelo, lampade frontali: insomma tutti gli “strumenti del mestiere” che sono fondamentali per il genere di spedizione che state per affrontare. Spesso è possibile anche affittarli in loco quasi ovunque.
  • Kit sanitario: l’igiene è fondamentale anche in alta quota. Per questo è buona regola essere provvisti di salviette umidificate, borotalco, del sapone secco e un asciugamano tecnico. Per le notti in tenda, è utile anche avere una borraccia per urinare, nel caso non sia possibile uscire temporaneamente
  • Kit di emergenza: non dimenticare mai di avere con se il necessario per il primo soccorso ed una coperta termica in caso si debba far fronte a difficili situazioni
  • Sacchetti di nylon: strumento importante per mantenere asciutti abbigliamento ed attrezzatura in caso di pioggia, ma anche utile per riporre eventuali rifiuti da smaltire al ritorno
  • Viveri: anche se nella maggior parte dei casi ci si rivolge ad un’agenzia locale per poter usufruire di “cuochi-sherpa”, è sempre consigliato portarsi qualcosa da casa che nella regione della spedizione non è facilmente reperibile. Sono molto indicati cibi disidratati o prodotti sottovuoto per la loro migliore durata di conservazioni
  • Abbigliamento: in alta montagna, dove le condizioni climatiche e la temperatura possono cambiare repentinamente, la regola fondamentale è: vestirsi a strati. Per lo strato di base è consigliato utilizzare tessuti tecnici e biancheria intima adeguata (veloce da asciugare) al fine di far traspirare l’umidità dal corpo. Lo strato intermedio deve fornire calore ed è preferibile quindi optare per pile, tessuti termici o abbigliamento di lana. Per lo strato esterno dotatevi di capi d’abbigliamento che siano resistenti alle abrasioni, antivento ed impermeabili. Devono essere traspiranti ma anche in grado di aiutarvi a mantenere il calore corporeo. Come pantaloni è importante avere più alternative. Un paio leggero per camminare nelle medie e basse quote e uno pesante per l’alta quota e per le sere nei campi base
  • Guanti: ne esistono di più o meno pesanti. È consigliato averne un paio di pesanti ed un paio di più leggeri, da usare eventualmente in combinazione uno sull’altro in caso di necessità.
  • Berretto, berretto con frontino o passamontagna: accessori fondamentali per coprire viso ed orecchie da raggi UV e proteggersi dal vento freddo
  • Scarpe: Le calzature sono l’elemento più importante per affrontare nel massimo comfort una spedizione alpina in alta quota. È consigliabile utilizzare scarpe molto affidabili ed opportunamente collaudate. È importante averne con sé più di un paio: degli scarponi da trekking o delle scarpe da approach per le quote più basse e degli scarponi da alpinismo per i tratti più tecnici. 
 

Leggerezza, impermeabilità e aderenza sul terreno: caratteristiche irrinunciabili per gli scarponi da alpinismo

La scelta della calzatura adatta è quindi senza ombra di dubbio la fase più delicata della preparazione di una spedizione alpina. Oggi sul mercato sono disponibili svariati modelli.
Come azienda con quasi 90 anni di esperienza nella produzione di scarponi di alta qualità, 100% made in Italy, siamo orgogliosi di poter offrire una vasta gamma di scarponi da alpinismo che possano soddisfare le esigenze degli alpinisti a seconda dell’utilizzo che ne intendono fare.
A differenziare i nostri modelli, sono i dettagli, ma in generale tutti gli scarponi da alta quota nascono da uno studio attento delle esigenze degli alpinisti in montagna e sono stati sviluppati con grande rispetto per l’artigianalità delle lavorazioni.
Leggerezza, idrorepellenza, impermeabilità, traspirabilità e aderenza al terreno sono solo alcune delle caratteristiche di questa categoria.  


​​​​​​​I migliori scarponi per alpinismo ad alta quota

Zamberlan offre una gamma di scarponi tecnici, impermeabili e termici per affrontare diverse altitudini molto impegnative.
  • Gli 8000 EVEREST EVO RR sono il modello più tecnico, sviluppato per spedizioni estreme sulle cime più alte del mondo, e sono certificati dall’istituto CIMAC per temperature fino a -30° C (in condizioni statiche), mentre durante l’attività fisica si può scendere fino a -60°C. A garantire un ottimo isolamento termico sono in particolar modo la scarpetta interna rimovibile e l’innovativo sottopiede in fibra di carbonio con disegno interno a nido d’ape. Questi scarponi da alpinismo, grazie alla suola Vibram® Penia, assicurano inoltre un’ottima trazione, mentre la zeppa in PU a doppia intensità è garanzia di ammortizzazione e supporto associati alla massima leggerezza. Compatibili con ramponi automatici.
  • I 6000 KARKA EVO RR costituiscono invece la soluzione ideale per spedizioni fino ai 6000 mt e consentono di mantenere un ottimo isolamento termico e una temperatura interna costante, grazie alla scarpetta interna estraibile con chiusura in velcro. Vantano un design compatto, un guscio estremamente resistente con inserti in Superfabric® e Microfibra, un sistema di allacciatura tecnico e lo snodo posteriore che aiuta la rullata: caratteristiche essenziali per gli esperti di alta montagna. Anche questi scarponi da alpinismo possiedono il sottopiede in fibra di carbonio, la suola Vibram® Penia e la zeppa in PU a doppia intensità e sono compatibili con ramponi automatici.
  • Per un’eccezionale sensibilità abbinata all’isolamento termico gli scarponi 4000 EIGER EVO GTX RR sono la scelta più azzeccata per alpinismo ed anche scalata su ghiaccio (ice climbing). Questo modello è certificato dall’istituto CIMAC fino a -20°C in ambiente statico, mentre in movimento si possono affrontare temperature più rigide fino a -30°C. Si tratta di scarponi da alta montagna che mantengono i piedi asciutti in qualsiasi condizione climatica grazie alla doppia tecnologia GORE-TEX® (Insulated e Performance Comfort). Gli scarponi 4000 EIGER EVO GTX sono dotati di ghetta e cerniera YKK che sono un’ulteriore barriera contro acqua e neve. Compatibili con ramponi automatici.
Equipaggiamento per spedizioni in alta quota

I migliori scarponi per alpinismo di medio livello

Quando invece si parla di alpinismo invernale a quote più contenute, scalata su ghiaccio (ice climbing) e terreni misti tra roccia e neve, consigliamo dei modelli appositamente sviluppati per questo genere di attività.
  • Uno su tutti è il modello 2090 MOUNTAIN PRO EVO GTX® RR: scarponi ideali per il l’alpinismo invernale, performanti, versatili e resistenti. La loro tomaia in pelle Perwanger®, assieme alla fodera in GORE-TEX® Insulated Comfort, impediscono ad acqua e neve di penetrare e garantiscono allo stesso tempo protezione dal freddo e un’ottima traspirabilità al piede. Sono compatibili con ramponi automatici e assicurano stabilità, ammortizzazione e trazione sul terreno grazie alla zeppa in PU a doppia intensità e alla suola Vibram® Penia. Di questi scarponi per alpinismo abbiamo studiato anche una versione per donna: gli 2090 MOUNTAIN PRO EVO GTX® RR WNS sviluppati appositamente per rispondere alle esigenze specifiche della calzata femminile.
  • Una valida alternativa, con qualche leggera differenza e alcune semplificazioni, sono i 4042 EXPERT PRO GTX® RR . Progettati anch’essi per l’alpinismo invernale, questi scarponi da alta montagna possiedono una zeppa a tripla densità che garantisce una grande stabilità e tacco sotto-squadra per agevolare la frenata in discesa. La tomaia è costituita da un unico pezzo di pelle Perwanger® e sono dotati di un fascione in gomma che funge da scudo contro graffi e lacerazioni. Si tratta di scarponi da alpinismo compatibili con ramponi automatici.  
 

I migliori scarponi per alpinismo leggero e vie ferrate

​​​​Per soddisfare invece le esigenze di chi si dedica ad un alpinismo leggero e meno impegnativo consigliamo delle calzature semi-ramponabili, leggere e performanti, sulle quali contare ciecamente.
Tra questi una delle soluzioni migliori sono i 2040 DUFUR di cui ne esistono due varianti:
  • i 2040 DUFUR GTX® RR, costituiti da una tomaia in Microfibra® e Cordura®, per gli amanti dei materiali sintetici.
  • i 2040 DUFUR EVO GTX® RR, che vantano una tomaia in pelle Perwanger® e Cordura® per chi invece desidera una maggiore presenza di pellame sul proprio scarpone.
 La tomaia, in entrambe le varianti, è stata pensata appositamente per assicurare un’alta resistenza all’abrasione, mentre per mantenere il piede sempre asciutto, permettendone allo stesso tempo un’ottima traspirabilità, sono stati dotati di membrana GORE-TEX® Perfomance Comfort. Questo modello presenta inoltre una fascia protettiva che ruota a 360° intorno alla calzatura per fare da scudo contro graffi e lacerazioni che possono essere provocati da ramponi o rocce. Infine la suola Vibram® Mulaz EVO presenta una zeppa a doppia densità: uno strato grigio più denso combinato con delle aree arancioni più morbide per fornire una perfetta ammortizzazione e controllo torsionale. ​​​​​​​Questa speciale suola rende questi scarponi da alpinismo adatti anche a vie ferrate e rocce, grazie alla “climbing zone”, una zona d'appoggio costruita in punta e sul tacco per assicurare aderenza su tacche di roccia più piccole. Ne esiste anche una versione femminile: i 2060 CERVINO GTX® RR WNS: scarponi da alpinismo per donna, studiati ad hoc per soddisfare le esigenze di una alpinista appassionata che vuole il massimo dal suo equipaggiamento.
​​​​​​​​​​​​​​